Skip to content

Studio Consulenza Legale & del Lavoro - SLTL Avvocati in Venezia

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color

In breve

Imputazione del pagamento

  • Per "imputazione di pagamento" si intende il riferimento della prestazione ad un particolare debito da soddisfare.

Il debitore non può imputare il pagamento al capitale, piuttosto che agli interessi e alle spese, senza il consenso del creditore.

Il pagamento fatto in conto di capitale e d’interessi deve essere imputato prima agli interessi: è l'art. 1194 del codice civile.

La norma afferma il principio secondo cui il pagamento che non estingua interamente il debito deve essere imputato prima agli interessi ed alle spese, poi al capitale.

Quanto ai presupposti, l'articolo 1194 trova applicazione se:

a) vi è la coesistenza di crediti per capitale e crediti accessori, per interessi o per spese (C. 10149/1991);

b) tali crediti sono parimenti liquidi ed esigibili

c) i pagamenti sono eseguiti volontariamente, e non coattivamente.

Quanto alla prova, dal momento che il criterio legale dell'imputazione del pagamento agli interessi funziona automaticamente, resta a carico del debitore l'onere di dimostrare che il creditore ha acconsentito all'imputazione della somma versata prima al capitale, anziché agli interessi.

***

  • Il pagamento parziale, in acconto, effettuato per adempiere un debito costituito da capitale e interessi, va imputato prima agli interessi.

Chi ha piu' debiti della medesima specie verso la stessa persona puo' dichiarare, quando paga, quale debito intende soddisfare.

In mancanza di tale dichiarazione, il pagamento deve essere imputato al debito scaduto;

- tra piu' debiti scaduti, a quello meno garantito;

- tra piu' debiti ugualmente garantiti, al piu' oneroso per il debitore;

- tra piu' debiti ugualmente onerosi, al piu' antico.

Se tali criteri non soccorrono, l'imputazione e' fatta proporzionalmente ai vari debiti:  è l'art. 1193 del codice civile.

Risulta necessario che:

- esistano di più crediti di uno stesso creditore verso lo stesso debitore, che, benché omogenei, abbiano però titolo e causa diversi.

- i pagamenti siano eseguiti volontariamente;

- il creditore possa pretendere l'adempimento;

- i diversi crediti siano tutti esigibil.

La questione dell'imputazione del pagamento, quindi, non è proponibile quando sussista tra le parti un unico debito, giacché l'adempimento di questo, se è totale, ne determina l'estinzione, mentre, se è parziale, comporta la permanenza dell'obbligo di eseguire la prestazione per il residuo, ferma restando per il creditore la possibilità di rifiutare l'adempimento parziale.

***

  • In ogni caso, se taluno, avendo più debiti, accetta una quietanza nella quale il creditore ha dichiarato di imputare il pagamento a uno di essi, non può pretendere un'imputazione diversa, se non vi è stato dolo o sorpresa da parte del creditore: è l'art. 1195 del codice civile.

Pertanto, qualora il debitore non provveda all'imputazione del pagamento ad uno dei suo debiti, tale facoltà spetta al creditore, che la esercita tramite la quietanza. A differenza però dell'imputazione fatta dal debitore, la quietanza non produce effetto se non è accettata dal debitore.

Avv. Alberto Vigani

 

 

 
You are here: Home arrow SLTL: la Mission arrow Convenzione aziende
Skip to content
Convenzione continuativa per aziende

Convenzione assistenza continuativa: serve anche a voi?

La nostra esperienza dici di SI!

Avv. Alberto Vigani
Avv. Alberto Vigani
In oltre 3 lustri di assistenza al mondo delle aziende abbiamo visto costantemente valorizzata la collaborazione stretta e continua con il cliente. In tal modo si evita che rapporti di affari gestiti tardivamente degenerino in contenziosi costosi e dagli alti rischi: si è così avuta la conferma che l'attività professionale continuativa porta alla prevenzione di molte problematiche aziendali.

Per questa ragione, lo studio presta assistenza legale continuativa a favore di imprese e professionisti nel rispetto delle vigenti tariffe forensi e del Codice deontologico: al fine di consentire l'attività di assistenza legale continuativa è predisposta a favore della clientela una convenzione che tutela il rapporto con l'assitito.

Con il supporto on demand e full time viene così garantita al cliente una gestione tempestiva ed esatta degli aspetti legali della propria vita aziendale e professionale permettendo di intervenire in prevenzione all'insorgere o al complicarsi di vertenze legali.

Fruendo del servizio, il cliente ha di fatto a sua disposizione un ufficio legale in outsourcing che potrà occuparsi in sicurezza di tutte le questioni legali di seguito elencate, o in quelle di esse di interesse aziendale:

  1. pareri, scritti e orali in ordine alle sottoposte questioni giuridiche

  2. periodici aggiornamenti normativi e giurisprudenziali

  3. assistenza nella stesura, correzione e interpretazione dei contratti

  4. consulenza e supporto in materia di diritto societario e dell'impresa

  5. consulenza rapporti con le Assicurazioni e le Banche

  6. assistenza exstragiudiziale nel recupero crediti

  7. consulenza nell'instaurazione dei rapporti di lavoro

  8. assistenza nei contenziosi extragiudiziali con dipendenti

  9. assistenza nella composizione stragiudiziale di precontenziosi insorti al fine di evitare sviluppi di rapporti economicamente pericolosi

  10. consulenza in merito alla opportunità di avviare procedure giudiziarie

La convenzione è di durata annuale, o semestrale, ed è concepita per offrire al clientela la pianificazione dell'assistenza richiesta con un costo certo e forfettariamente prestabilito.

L'attività viene prestata prevalentemente tramite e-mail, fax, skype, videoconferenza e telefono, ma pure con incontri periodici o puntuali presso lo studio o la sede del cliente, ove possibile.

La clientela imprenditoriale dello studio ha già confermato il valore del percorso di assistenza legale continuativa dandone riconoscimento sotto un triplice aspetto:

  • Primo: il cliente chiama l'avvocato all'esatto momento in cui individua l'insorgere della questione senza alcun ritardo così prevenendone l'aggravamento, la fase "patologica" e i relativi costi.
  • Secondo: la gestione dell'assistenza e consulenza legale in forfait garantisce una certa convenienza economica in confronto all'applicazione analitica della tariffa professionale ad ogni singola pratica.
  • Terzo, ma non perché meno importante, il rapporto immediato con lo studio unito al libero ed esclusivo accesso al professionista di riferimento consentono di ottenere, magari per il tramite di una semplice telefonata, il supporto consulenziale anche su opportunità di lavoro ed affari da affrontare con particolare urgenza e professionalità.

Il corrispettivo annuale e la rateazione mensile, previa individuazione delle esatte attività di interesse e le loro quantità, vengono computati, al momento dell'accordo convenzionale , in via forfettaria sulla base delle vigenti tariffe professionali e in proporzione al prevedibile impegno. Dai compensi professionali vanno distinti i costi per spese sostenute e documentate che verranno separatamente quantificati per come e se effettivamente sostenuti nell'attività stragiudiziale. Non si include nel compenso forfetario quanto lo studio percepirà direttamente quale compenso previsto a carico della controparte e quanto dalla stessa riconosciuto e corrisposto in via stragiudiziale e conciliativa.

L'accordo convenzionale praticato dallo studio è conforme al dispsoto dell'art. 45 del vigente codice deontologico forense :

"ART. 45 - Accordi sulla definizione dei compenso
E' consentita all'avvocata pattuire con il cliente compensi parametrati al raggiungimento degli obiettivi perseguiti, fermo il divieto dell'articolo 1261 c.c. e sempre che i compensi siano proporzionati all'attività svolta, fermo il principio disposto dall'art. 2233 de! Codice civile
."

Per verificare la miglior assistenza di cui può godere la Tua azienda, scrivici a Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo  

Avv. Alberto Vigani

Per ogni approfondimento puoi anche contattarci ai seguenti recapiti telefonici: tel. +39 0421.232172 o+39  0421.232181; o seguici su Facebook .

 www.avvocati.venezia.it