Spiaggia, il Tar d ragione al Comune

ERACLEA. Zona Sa1, il Tar pone fine al lungo contenzioso sulla gestione della spiaggia centrale di Eraclea Mare. Il tribunale amministrativo, dopo una lunga battaglia legale ha chiuso l’intricata vicenda che per anni ha visto l'amministrazione comunale di Eraclea in contenzioso con alcuni privati per le concessioni demaniali. «Eraclea Beach S.r.l. è dunque la legittima concessionaria della spiaggia nel settore SA1», afferma l'avvocato Victor Rampazzo che ha assistito la società contro il ricordo proposto da Adriano Bonan, «la vicenda trae origine nel marzo del 2010, quando Eraclea Beach presentava all'amministrazione comunale una richiesta per l'ottenimento di una concessione demaniale sulla principale spiaggia di Eraclea Mare.

Successivamente Archisun e l'Ati di Adriano Bonan presentavano le loro domandi concorrenti. L'allora amministrazione comunale, guidata dal sindaco Teso, si era affidata alla consulenza dell'avvocato Alberto Vigani per avviare una gara selettiva dove è risultata vincitrice Eraclea Beach S.r.l..

La stessa, nell'aprile 2011, ha ottenuto l'assegnazione provvisoria. Bonan, non contento, ha presentato ricorso contro quel provvedimento amministrativo sostenendo inoltre l'illegittimità della procedura di selezione e contestando molte altre irregolarità».

Il 7 marzo 2012 l'amministrazione comunale con il nuovo sindaco Giorgio Talon ha assegnato in via definitiva la concessione a Eraclea Beach. Bonan ha fatto ancora ricorso. «Il Tar», conclude l'avvocato, «con sentenza depositata il 24 settembre 2013 ha respinto tutti i motivi di doglianza del ricorrente asserendo come le amministrazioni comunali succedutesi nel tempo abbiano correttamente applicato la legge e legittimamente assegnato in via definitiva la concessione demaniale a Eraclea Beach». (g.ca.)

Da La Nuova Venezia