Skip to content

Studio Consulenza Legale & del Lavoro - Avvocati in Venezia

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color

In breve

Dovere di riservatezza: l'avvocato deve astenersi dal deporre come testimone su circostanze apprese nell'esercizio della propria attività professionale e inerenti al mandato ricevuto. Lo dice anche il CNF: Pone in essere un comportamento lesivo dei doveri professionali l'avvocato che nel medesimo procedimento civile assuma prima la veste di difensore di una parte e poi si presenti a testimoniare in favore della parte avversa e contro il proprio cliente su circostanza appresa, per giunta, in ragione del proprio mandato, a nulla rilevando la circostanza che la testimonianza resa corrisponda al vero.
 
You are here: Home arrow Notizie arrow Notizie Flash arrow Notizie flash arrow Recesso del conduttore per gravi motivi
Skip to content
Recesso del conduttore per gravi motivi PDF Stampa E-mail
Il conduttore, ai sensi e per gli effetti dell'art. 27 VIII comma della legge 392/1978, può recedere dal controatto di locazione d'immobile solo per gravi motivi. Questi per essere tali devono essere esogeni ed indipendenti dalla mera volontà del conduttore ovvero devono avere una natura obiettiva.

La giurisprudenza della Superema Corte di cassazione ha costantemente affermato che "i gravi motivi di presenza dei quali gli artt. 4, secondo comma, e 27, ultimo comma, della legge n. 392 del 1978, indipendentemente dalle previsioni contrattuali, consentono il recesso del conduttore dal contratto in qualsiasi momento, devono collegarsi a fatti estranei alla volontà del conduttore medesimo che, imprevedibili e sopravvenuti alla costituzione del rapporto locativo, siano tali da rendere oltremodo gravosa per il conduttore la persistenza del rapporto stesso" (cfr. Cass. 260/91; Cass. 11466/92; Cass. 1098/94).

E' evidente, in tale ottica interpretativa, che il requisito della "estraneità" rispetto dalla volontà del conduttore afferisce alle circostanze che rendano oltremodo gravosa per lui la persistenza del rapporto e non alle determinazioni che il conduttore medesimo, in dipendenza di tali circostanze, venga ad adottare.

In altri termini, in presenza di fatti che rendano necessario un ridimensionamento dell'organizzazione aziendale del conduttore - per citare una situazione riconducibile a quella della fattispecie in esame - il requisito dell'estraneità riguarda le cause obiettive che impongano tale ridimensionamento, rendendolo più consono alle esigenze di economicità e di produttività della gestione aziendale, non i comportamenti che a seguito di esse l'imprenditore possa adottare. Questi sono per loro natura volontari, ma ciò che rileva è la loro correlazione a fattori obiettivi, si che non possano apparire frutto di iniziative arbitrarie o improvvisate.

In tale ottica, non può rilevare che le nuove dimensioni che si rendano necessarie alla struttura aziendale siano in senso riduttivo o ampliativo: in entrambi i casi sono egualmente prospettabili, in base alla "ratio" dell'art. 27 della legge n. 392/78, obiettive esigenze per il conduttore di adeguare la struttura aziendale alla situazione sopravvenuta, e quindi l'eccessiva gravosità del persistere del rapporto di locazione in corso.

In tal senso la previsione dell'art. 27 della legge n. 392/78 - come quella dell'art. 4 in tema di locazioni ad uso abitativo - ben si raccorda con la disciplina generale dell'onerosità sopravvenuta (art. 1367 c.c.), della quale peraltro mutua solo i connotati generali sotto il profilo della natura "oggettiva" delle situazioni di fatto che valgono ad integrare i "gravi motivi".

 

 

www.avvocati.venezia.it

 
< Prec.   Pros. >